Rolling Pandas

Questa settimana sono stata ospite da rolling Pandas:

Quante volte vi è capitato di dire “Basta, mollo tutto e parto!”? Vivere da expat permette di ricominciare, di scoprire nuovi luoghi e culture, di conoscersi più a fondo e di crescere, ma ci pone davanti a sfide quotidiane.

Abbiamo parlato di questo con Giulia, la nostra intervistata da Berlino, ideatrice del progetto, e dell’omonimo blog, Lettere da Berlino, il cui obiettivo è che nessun expat si senta solo. Parola d’ordine: condivisione! Il resto lo scoprirete nell’intervista, non vogliamo svelarvi troppi dettagli! 

Continuate a leggere qui.

 

Annunci

Accendi e spegni

Questo è il classico interruttore della luce (Lichtschalter) che trovate praticamente in tutti gli appartamenti tedeschi. Tutti uguali. Tutti. A Berlino ultimamente va di moda ristrutturare appartamenti per farne Luxuswohnungen e affittarli a prezzi assurdi, ma il lusso di questi appartamenti non differisce nemmeno nel Lichtschalter. Sempre loro.

Continua a leggere

Avevo un fermaglio rosa. Come i miei capelli

Ho tagliato i capelli. In Germania. A Berlino. La seconda volta in 13 anni.
Cioè in 13 li ho già tagliati parecchie volte, ma solamente due volte qui. Ho tradito Fabrizio. Ma l’ultima volta gli ho lasciato così tanti soldi che siamo a posto per un decennio almeno. Niente rancore, Fabri.
A giugno l’ho costretto a farmi il colore. Rosa
Cioè li ha dovuti decolorare per poi tingerli. Rosa.
Dopo Ricky i capelli mi si sono rovinati moltissimo e prima di darci un taglio netto ho deciso di farli, per una volta nella mia vita, come cazzo li volevo io. Tanto abito a Berlino e nessuno nota la differenza, se bruna o rosa.
Lui non voleva. Io avevo i soldi dalla mia parte e ho vinto. Capelli rosa.
Dopo due mesi però ho capito che era arrivato il momento. Sono andata in Schöneberger Straße e li ho fatti tagliare. 15 euro. E te li asciughi tu.
Non ho più bisogno di infilarci matite per tenerli su.
I fermagli, o meglio quei ferri lunghi che usavo per raggruppare i capelli in su, sono rimasti sparsi nelle borse.
Uno era nello zaino rosso che avevo oggi alla porta di Brandeburgo, alla festa della riunificazione. Fino a pochi anni fa non c’erano mai controlli a queste manifestazioni, ma le cose sono cambiate e le borse sempre perquisite. La persona del servizio d’ordine ha scovato questo ferro rosa lungo, appuntito e me lo ha tolto.
Non mi serviva più. Ma mi sarebbe servito irgendwann wieder. Ho visto lo aveva messo di lato, su un tavolo. Speravo di ritrovarlo al mio ritorno e invece no. Lo avrà buttato.
Unica consolazione è che insieme al mio fermaglio, saranno finiti nell’immondizia anche i nazisti. Che nemmeno loro potevano entrare

Sommerzeit e Winterzeit

Dicono il tedesco essere una lingua difficile. Eppure a breve mi sembra molto semplice.
In italiano mi sono sempre confusa tra ora legale e ora solare. Dovrebbe essere solare perché c’è più sole, no?
In tedesco si dice semplicemente Sommerzeit e Winterzeit (tempo d’estate e tempo d’inverno).

Continua a leggere

Die Gedanken sind frei

Sulla Schlossstraße davanti CundA, si mette spesso un signore che canta canzoni popolari. Durante l’avvento cambia repertorio, ma altrimenti canta sempre le stesse canzoni.

Tra tutte la mia preferita è:

Die Gedanken sind frei

Wer kann sie erraten

Sie fliehen vorbei, wie nächtliche Schatten

Kein Mensch kann sie wissen, kein Jäger erschießen.

Es bleibt dabei: die Gedanken sind frei.

Continua a leggere