Il Mall

Quando abitavo a Palermo il Mall, il centro commerciale, era quello dei telefilm americani. Non ne avevo mai visto uno.
Quando abitavo a Palermo il “passìo” si faceva lungo la via Ruggero Settimo e il viale della Libertà. Indifferentemente se estate o inverno, era lì che i ragazzi si incontravano il sabato pomeriggio.

Continua a leggere

Annunci

na vasata

Mio nonno aveva un negozio di mobili in via Oreto. In realtà non era suo, ma lo gestiva insieme ai fratelli di mia nonna. Noi ai tempi abitavamo in via Bergamo, che è una traversa di via Oreto. Capitava che se il pomeriggio uscivo con mamma a fare la spesa o altro, al ritorno si passava dal negozio a salutare il nonno.

Continua a leggere

Il cielo di merda sopra Berlino

Spesso mi viene chiesto come faccio a vivere a Berlino, a resistere ai lunghi inverni in assenza di luce. A parte che Berlino non si trova al nord della penisola Scandinava e non è così buio, in realtà al freddo mi sono ormai abituata o forse dopo le due gravidanze i miei ormoni sono completamente impazziti e passo l’inverno a sudare.

Continua a leggere

L’uomo della sabbia

“Signora, sua figlia ha la sabbia in bocca”, mi dice una vecchia signora grassa, adagiata sul suo trespolo che osserva e tiene sotto controllo l’intera spiaggia di Cefalù. Al bagnino tocca osservare il mare, lei si occupa invece della spiaggia. Guarda tutto e tutti, pronta ad intervenire quando non richiesto.

Continua a leggere

Campagna di sensibilizzazione: salva un italiano expat

Voi italiani che abitate nelle vostre case italiane e mangiate i vostri prodotti italiani, non sapete cosa significa vivere all’estero e mangiare piatti spacciati per italiani. L’esempio classico è quello della pasta. Se siete invitati ad un picnic crucco, non mancherà di certo l’insalata di pasta. Che io dico: io non mi sognerei mai di portare uno Schweinshaxe se so che ci sono crucchi tra i commensali, che lo so verrebbe criticato. Ma loro no, osano, non temono critiche. Che io vabbe manco l’assaggio la pasta, che lo so che sarà scotta, però adocchio un’insalata di riso e penso che non puoi sbagliare molto nel cuocere il riso.

Continua a leggere