HappyPo ovvero i culi felici dei crucchi

Che gli italiani si sentano un popolo superiore perché hanno il culo pulito, è un fatto che ho ribadito più volte.

Poco importa quale sia l’argomento del quale si stia parlando, dei mezzi di trasporto super efficienti, delle possibilità di impiego o della sanità o qualsiasi altra cosa in cui si affermi funzionare meglio in Germania che in Italia, gli italiani risolvono e concludono ogni questione con “e ma noi abbiamo il bidet, i crucchi hanno il culo sporco.”

Continua a leggere

Lavoro e gadget a Berlino 

Berlino è la capitale delle Start Up. Una lista di quelle attuali la trovate qui. Ma perché Berlino? Perché, e uso le parole di un fondatore di start up, vi è una combinazione tra basso costo della vita, basso costo del personale e allo stesso tempo un personale internazionale. Questo rende la città più attraente rispetto ad altre.

Continua a leggere

Sind wir ein Volk? 26 anni dopo la riunificazione

Durante le manifestazioni che avevano avuto luogo a Lipsia nel 1989, come vi raccontavo qui, si urlava più volte la frase “Wir sind das volk”, noi siamo il popolo. Col tempo questa frase venne poi strumentalizzata e divenne “Wir sind ein Volk”, noi siamo un popolo.

Quando per sbaglio il 9 novembre 1989 cadde il muro, nessuno pensava alla riunificazione delle due Germanie, nessuno tranne il cancelliere di allora Helmut Kohl. Ciò che i cittadini della DDR chiedevano era libertà, per il cancelliere invece l’apertura delle frontiere significava riunificazione. Questo suo intento era abbastanza evidente altrimenti non avrebbe avuto senso regalare ad ogni cittadino DDR, dai bambini agli anziani, 100DM come Begrüßungsgeld. Oltre 16 milioni di cittadini DDR ricevettero questo importo. Un secondo evento rende palese l’intento di Kohl:  il primo luglio 1990 fu rimpiazzato il Marco della DDR con il DM (marco tedesco). La Germania non era ancora unita, è possibile imporre la propria moneta ad un altro stato?

Per il cancelliere era abbastanza chiaro che il 9 novembre segnava la riunificazione e non il 3 ottobre, come invece oggi si festeggia.  Continua a leggere