Na tazzulella e café

Quante volte vi siete arrabbiati da Starbucks perché hanno storpiato il vostro nome? In realtà si dice che i nomi vengano storpiati apposta, gli impiegati si divertono così. Sotto #starbucksfail trovate su Instagram le storpiature più divertente e irriverenti.

Eppure in Germania questo divertimento potrebbe avere i giorni contanti.

L’associazione ambientalista Deutsche Umwelthilfe (DUH) promuove da qualche anno il progetto “Becherheld-Mehrweg to go”, un sistema di bicchieri da caffè da asporto riutilizzabili.

Si calcola che in Germania ogni ora finiscano nell’immondizia circa 320.000 bicchieri usa e getta. Ogni anno sono quasi 3 miliardi. Per la produzione annuale di questi bicchieri sono necessarie 10.000 tonnellate di legno e plastica e miliardi di litri di acqua. L’energia necessaria per questa produzione potrebbe soddisfare il fabbisogno di un intera città.

Compito della DUH è appunto di ridurre questo consumo dei bicchieri monouso tramite due metodi:

Il primo è usando il proprio bicchiere che viene riempito dalla caffetteria/bar/locale ottenendo uno sconto sul prezzo del caffè;

il secondo modo per diminuire questo spreco è attraverso il Pfand (vuoto a rendere) che qui è già in vigore per tutte le bibite.

La città di Berlino si sta muovendo in questa direzione in diversi modi.

Nei Bio Company e negli 8 centri per i clienti della SBAHN potete aderire all’iniziativa Mein Becher für Berlin. Acquistando la tazza di bambù a 9 euro, contribute anche a piantare più alberi a Berlino (2€ del prezzo vanno a Stadtbäume für Berlin). Ogni volta che al Bio Company comprerete un caffè utilizzando questo bicchiere, avrete uno sconto di 20cent sul prezzo della bevanda.

Il senato di Berlino insieme a BSR (l’azienda che pulisce la città) e la camera di commercio promuovono invece la campagna Better World Cup . All’iniziativa, che è partita questa estate, aderiscono già circa 100 esercenti, identificabili tramite un adesivo posto in vetrina.

Qui, lasciando riempire il proprio bicchiere, si ha uno sconto di 20cent sul prezzo del caffè.

Indipendentemente da questa iniziativa già da novembre 2016 i McCafe fanno uno sconto del 10% a chi utilizza la propria tazza, mentre Starbucks fa pagare 30cent in meno (risparmiando anche sull’incazzatura del nome sbagliato).

A voler invece sfruttare il sistema del vuoto a rendere è la giovane startup Recup la quale al momento opera nelle sole città di Monaco e Berlino. L’azienda fornisce di bicchieri riutilizzabili i locali convenzionati, i quali sono rintracciabili tramite una App. Il cliente riceve 1€ indietro non appena restituirà il bicchiere al prossimo locale convenzionato.

Ovviamente in nessun caso potete aspettarvi un espresso. Quello ve lo bevete comodamente nella tazzina ustionante a casa vostra.

Annunci

5 pensieri su “Na tazzulella e café

    • Io non so bere dai bicchieri da asporto. Non sono una grande bevitrice di caffè, affatto. E se proprio devo berlo, mi prendo una pausa, comodamente seduta. Magari con una fetta di torta 😊

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...