Cose e persone insospettabilmente tedesche

La cultura di un paese passa attraverso gli scaffali di un supermercato.  Dai prodotti in offerta non si capiscono solo i gusti,  a volte molto discutibili,  di una popolazione,  ma anche la storia  del paese stesso,  celata dietro un marchio. È chiaro però che uno straniero cerca anche delle certezze che si è portato da casa su quegli scaffali.  E se i prodotti Galbani sono quasi una certezza,  altri si nascondono dietro nomi crucchizzati come Perlana che diventa Perwolle.  O è forse il contrario? Se la nostra versione italocentrica fosse sbagliata? Se non si chiamasse Cameo,  bensí Dr.Oetker???
E se avessero ragione loro?
Le prime volte ridevo pensando fossero scemi a cambiare il nome Cameo in uno crucco,  per renderlo forse più appetibile ad un pubblico tedesco,  poi ho capito che gli scemi siamo noi.
Il Dr. Oetker fu un farmacista che a fine ‘800 fece degli esperimenti per produrre del lievito chimico che fosse a lunga conservazione.  In realtà sembrerebbe non aver inventato nulla di suo,  di certo fu il primo a vendere il prodotto in bustine. Nei primi del’ 900 aprì la sua fabbrica a Bielefeld dove ha ancora sede oggi,  e sviluppò anche la produzione di amidi e di pudding.  Inizialmente i prodotti vennero commercializzati in Italia con lo stesso nome,  dal 1953 cambiò in Cammeo e il nome attuale è stato cambiato nel 1985.
Altro marchio che per me non era tedesco,  forse più americano è l’Adidas. Nel 1920 i due fratelli Dassler iniziarono a casa loro,  la produzione di scarpe per lo sport.  Già nel 1928 le loro  scarpe  vennero indossate nell’atletica leggera alle olimpiadi di Amsterdam.  Otto anni più  tardi Jesse Owens vince la medaglia d’oro a Berlino,  indossando un paio di Dassler.

image

I due fratelli Dassler furono membri del NSDAP dal 1933 e verso la fine della guerra nella loro fabbrica venivano prodotti pezzi di carro armato dai prigionieri francesi costretti ai lavori forzati.
Dopo la guerra i due fratelli litigano e fondano ognuno la propria azienda.  Rudolf fonda nel 1948 la Puma,  e Adolf nel ’49 la Adidas,  acronimo creato dal suo soprannome Adi e il cognome Dassler.
Nemmeno Hugo Boss è americano.  L’ azienda fondata nel 1924 produceva esclusivamente abiti da lavoro.  Durante la guerra vestiva invece le SA, SS, Wehrmacht e HJ.
Non chiamatele Miele per favore,  le lavatrici si chiamano Miile (ie in tedesco si pronuncia come se fosse una i più lunga). Il signor Carl Miele (santo subito)  progettò nel 1929 la prima lavatrice e la prima lavastoviglie elettrica in Europa.
La bianca come la neve Nivea,  dal latino Niveus, e con l’accento sulla e,  è di Altona,  Amburgo. Il farmacista Oscar Troplowitz acquistò nel 1890 l’azienda Beiersdorf e nel 1911 crea la prima crema per la pelle a lunga conservazione.  La ricetta è da allora praticamente invariata. Solo dal 1924 il barattolo della crema è blu,  prima era verde e giallo.

image

Se tutte queste cose non vi hanno ancora sconvolto,  lo farà di certo l’ultima.
L’ape più  famosa al mondo, Maja,  è tedesca.  Le sue avventure vengono narrate nel 1912 da Waldemar Bonsels. Io devo ancora riprendermi da questa notizia.

Annunci

19 pensieri su “Cose e persone insospettabilmente tedesche

  1. per 17 mesi sono andata in giro nei supermercati americani deridendoli (gli americani) perchè, trovando molte delle marche che hai citato, pensavo che fossero delle sotto marche sfigate e scadenti delle piú nobili ed originali americane.
    beata ignoranza!

    Liked by 1 persona

  2. Molto interessante! E anche io vivendo in Olanda ho notato tutte le varianti ai prodotti che credevamo nostri! Anche qui la Cameo è dr oetker, e l’ammorbidente Coccolino si chiama Robijn! E, anche quest’ultimo (se non sbaglio, non vorrei dire stupidaggini) è di origine tedesca. 🙂

    Liked by 1 persona

  3. Pingback: Che tipo di Blogger (non) sono | Lettere da Berlino

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...