La testa di Lenin

NOn esiste per me scena piú commovente:

Dopo mesi di coma e di immobilitá, la mamma di Alex riesce ad alzarsi dal letto, e decide di uscire fuori casa. È entrata in coma nell’ottobre del ’89, durante i festeggiamenti dei 40 anni della DDR. Non sa che quello fu l’ultimo compleanno del governo al quale alla fine credette fortemente per poter sopravvivere. Non sa che il Muro non c’è piu’.

Esce di casa.

Il loro appartamento deve essere nei pressi della Landsberger Allee. Si riconoscono gli edifici. In lontantanza si sente un elicottero che porta via il busto di Lenin, col braccio teso verso di lei. Deve essere già novembre 1991 (anche se non si direbbe esserci tanto freddo).

Non esiste scena nella storia del cinema piú bella. NOn per me.

In realtá quello che va incontro alla mamma di Alex, non puó essere il busto delle Statua di Lenin che si trovava nella Leninplatz, oggi Platz der Vereinten Nationen (piazza delle nazioni unite). La statua che si vede nel film é in bronzo e ha il braccio teso, nella realtá era invece di granito e il braccio lungo il corpo.

L’episodio é peró reale.

Nel 1967 il SED decide di ricostruire quella che fu Landsberger Platz, costruendo degli edifici abitativi  (orrendi, credetemi) esponendo al centro una statua che rappresentasse Lenin. Il progetto della statua fu di uno scultore russo e il granito proveniente dall’Ucraina.

La statua fu inagurata da Walter Ulbricht il 19 Aprile del 1970, tre giorni prima del centenario del compleanno di Lenin.

170px-Lenin-statue-in-Berlin

Dopo la Svolta (Wende, cosí si chiama il movimento che portó alla caduta del muro), i rappresentati del consiglio di  quartiere di Friedrichshain (il quartiere dove si trova appunto la ex Leninplatz) decisero di demolire la statua. Da parte dei cittadini vi furono peró molte obiezioni e organizzarono anche delle manifestazioni per impedire e ostacolarne l’abbattimento.

Ciononostante i lavori di smaltimento iniziarono nel novembre 1991 e terminarono  nel febbraio 1992. La statua venne divisa in 129 pezzi  che vennero seppelliti in un luogo sconosciuto.

kopf

Quest’anno si inizió peró a parlare nuovamente di Lenin, o almeno della sua testa.

Il prossimo anno nella Zitadelle di Spandau sará presente una mostra su Berlino ed i suoi monumenti. Inizialmente il Senato si é mostrato contrario al disseppellimento della testa di Lenin, che dovrebbe appunto comparire nella mostra, ma dopo varie critiche nei giorni scorsi si é deciso di darne invece il consenso.

Ora io ho scoperto che La testolina di Lenin (La statua era alta 19 metri) era sepolta a Köpenick, dove ho abitato per tre anni. Eravamo quindi vicini vicini, e io non lo sapevo.

Non so ancora quando disseppelliranno la testa, ma me la immagino proprio volare sopra la citta, una cottá che ormai non riconoscerebbe piú.

Bentornato Wladimir Iljitsch

5 pensieri su “La testa di Lenin

  1. Pingback: I cetriolini dello Spreewald e cappuccetto rosso | Lettere da Berlino

  2. Pingback: C’era una volta il Palais der Republik a Berlino. – Una valigia a Berlino

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...