bomboniere

Sabato sera al cinema.

Ogni volta che vado al cinema, mi sembra di essere dentro un film americano, dove si vedono i protagonisti che vanno al cinema, enorme, dove possono scegliere che film vedere e decidere tra le varie opzioni proposte. Dove comprano enormi porzioni di popcorn e di Pepsi e se vogliono le caramelle al distributore. Nei miei sogni di bambina il cinema, aldilà dell’oceano doveva essere così. Nella mia città invece era diverso. Un’unica sala, piccola con poltrone rosse dove sprofondare. Ricordo quando vidi “L’ultimo imperatore”, dovevo essere molto piccola, ricordo che mi addormentai per risvegliarmi solo all’intervallo aspettando lui, l’uomo della mia vita, Il carretto passava e quell’uomo gridava: "Gelati"…

Chiedevo i soldi a papà e tiravo un lungo sospiro sperando non avesse esaurito l’oggetto dei miei desideri. Mi precipitavo verso di lui, cercando di arrivare prima degli altri e timida chiedevo la “bomboniera”, esaurita questa mi sarebbe rimasto il cornetto, che io non volevo, no volevo solo lei. Era il momento più bello del film. Una volta consumate le mie palline di gelato avvolte da un sottile strato di cioccolata che si scioglieva sotto la lingua, potevo ritornare a dormire.

Qui il cinema è come quello dei film. Enorme. Ci sono 7 sale, sono sette film diversi. Ad ogni piano c’è un grande bancone dietro al quale premurosi ragazzi vendono pop corn, pepsi e (essendo in Tedeschia) Brezeln.

Prima che lo spettacolo inizi, dopo un’abbondante mezz’ora di pubblicità, due ragazze entrano in sala, chiedendo se qualcuno vuole ancora acquistare un gelato.

Durante il film non c’è pausa, procede unica tirata e io penso a l’uomo dei miei sogni che non arriva più, mai più. E anche se arrivasse non venderebbe più la mitica bomboniera, no. Perché ad un certo punto degli anni 90, non so chi ha deciso di non vendere più bomboniera, no, ma quei microscopici Magnum che non valgono neanche la metà degli altri.

Per me bomboniera e cinema erano due cose fuse insieme, l’una non esisteva senza l’altra. Il cinema non è più lo stesso senza lei.

Ma non potremmo promuovere una campagna “pro bomboniera”?

Annunci

17 pensieri su “bomboniere

  1. Pro-bomboniera si, ma prima dell’inizio del film. A me piacciono tanto i film in Germania (ed, in realtà, quasi ovunque tranne che in Italia) senza l’intervallo che spezza a metà il film…

    Anche sabato scorso, Bable sarebbe stato molto meno intenso se l’avessero diviso in due tronconi.

    G

    Mi piace

  2. da me non c’è mai stato l’uomo dei gelati. anzi spesso dovevi uscire fuori a comprare qualcosa. mi stupisce che c’era nellacity. ma forse perche il tuo era un cinema picolo.
    ti diro le multisala sono belle ma meno afascinanti.
    sono d’accordo. la pausa ci vuole. per sgranchirti, andare in bagno, commentare. io ho visto jfk senza pausa, 3 ore, e ho rischiato il suicidio

    Mi piace

  3. io non mi accodo al tuo appello pro-bombonienra perchè tra tutti i gelati che ci sono è uno dei pochi (essì, sono una golosona) che non ho mai mangiato…invece mando un appello a tutti i nostalgici del mitico CALIPPO FIZZ alla coca cola, da circa 5 anni non fanno più la versione FIZZ a me piaceva tanto…sigh!

    Mi piace

  4. Angi, non hai mai mangiato la bomboniera??????sarai segnata a vita per questo.

    Cristina, ho viso un film da insulina, ma a mia discolpa il mio ragazzoè lontano e non facevano nulla al cinema. Il film in tedesco si chiama “Liebe braucht keine Ferien” in italiano, non so. Ma è con la Diaz Kate Winslete Jude Law..niente di che

    Mi piace

  5. l’ho presa insieme a Carmen mercoledì sera al Metropolitan…tieniti forte…è un multisala!!!Ovvero 2 sale: una piccola per il film un pò più sfigato(nello specifico 007 Licenza d’amare…o giù di lì)…e quella grande per il film da incasso (questa sett trattasi di: La ricerca della felicità).
    Le bomboniere erano ovviamente magnum ma apprezzo cmq lo sforzo di mantenere questa abitudini che sta diventando quasi tradizione più o meno come i babbaluci per S.Rosalia..solo un pò più spesso!!

    Mi piace

  6. propongo una petizione affinchè il duetto cinema-bomboniera resti invariato. Ogni tanto ancora si trova, magari in quei cinema periferici non nei multisala modello “città dei balocchi”

    Mi piace

  7. Anche per me cinema+bomboniera era un duo inscindibile! Ora non solo non ci sono le bomboniere ma l’uomo dei gelati non passa quasi piu’, devi uscire fuori dalla sala per comprare qualcosa.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...